Siamo giunti alle battute finali del nostro concorso. Ancora due prove per incoronare il vincitore assoluto ed il vincitore della classifica uomini che acquisirà il diritto di partecipare, in veste di ospite dell’Organizzazione, alla prossima edizione di THE CHALLENGE. La lotta per il titolo assoluto è ormai questione da definire tra Francesca Alvi (Circolo del Golf Parco dè Medici), Marco Frontoni (Circolo del Golf Parco dè Medici) e Carlo Sblendorio (Barialto Golf Club). Gli ultimi due in contention anche per il titolo di vincitore della classifica uomini.

La domanda killer della settimana tratta il tema dell’intenzionalità. La situazione descriveva l’azione di un giocatore che, per mera cortesia e volendo agevolare la raccolta della palla in green al compagno di gioco, la tira verso di lui con il bastone. Il quesito precisava che tale gesto veniva compiuto solo per gentilezza. Carlo Santini, arbitro federale e responsabile del sito www.quizgolf.it, ci spiega l’importanza dell’intenzionalità: “La soluzione del quesito ci pone di fronte ad una condotta che può comportare penalità o no a seconda delle intenzioni con le quali il giocatore la compie. Teatro della scena è, evidentemente, il putting green. La regola n. 13.1e stabilisce il divieto di intraprendere qualsiasi azione con la finalità di acquisire informazioni su come la palla possa rotolare sul green (scorrevolezza, pendenza, etc. ). Vietato, quindi, sfregare la superficie o far rotolare la palla. Si incorre in penalità, però, solo se l’azione è sorretta dall’elemento intenzionale di voler trarre un vantaggio, carpendo informazioni utili per il proprio gioco. Poichè il giocatore ha lanciato la palla solo per cortesia, l’azione non è considerata illecita e non è soggetta, quindi, ad alcuna sanzione“.

Di seguito le risposte corrette:

Rita concede all’avversario il suo colpo successivo, poi raccoglie la palla dell’avversario e con l’intenzione di restituirgliela, la tira verso di lui con il bastone. Rita fa questo solamente per gentilezza, non per provare la superficie del green
Risposta corretta: non c’è penalità

Marco, sul green marca la sua palla, la alza e dopo averla pulita la ripiazza. Marco teme che la palla si possa muovere e la alza nuovamente, dopo averla marcata, attende qualche secondo, la ripiazza e la gioca.
Risposta corretta: Non c’è penalità

Carlo e Bruno si accorgono durante il gioco di una buca che stanno giocando con palle identiche. Sapendo qual era la sua palla, Carlo per evitare successiva confusione alza la sua palla prima di giocare il suo secondo colpo, e la sostituisce con una con marcatura differente terminando la buca
Risposta corretta: Carlo ha una penalità di due colpi o la perdita della buca in match-play

In una gara stroke-play Maurizio effettua un lungo putt e colpisce l’asta della bandiera che era stata rimossa da un compagno di gioco e posta a terra.
Risposta corretta: Non c’è penalità

In una gara stroke play foursome, Alessia e Massimo sono partner. Alessia, nell’effettuare un colpo manca la palla.
Risposta corretta: Il colpo successivo deve essere giocato da Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment